Il Cabernet e il Tai Rosso, il tratto distintivo del Cuore Rosso del Veneto

Vinitaly 2015 è stata l’occasione per il Consorzio di Tutela Vini Colli Berici e Vicenza di mettere a confronto i principali vini rossi della denominazione con altri vini italiani, per far emergere i tratti di distintivi e unici dell’area.
Due sono stati i momenti di degustazione avvenuti allo stand del Consorzio: il primo ha visto come protagonisti il Tai Rosso e gli altri vini della famiglia dei Grenache; il secondo era dedicato al Cabernet, vino che da oltre 150 anni è prodotto nell’area berica.

L’appuntamento dedicato al Tai Rosso, dal titolo “Il Tai Rosso incontra gli altri Grenache d’Italia. Storie di uomini, territori e di un vitigno giramondo”, ha visto la partecipazione diretta dei produttori, che hanno presentato i loro vini ad un selezionato pubblico di giornalisti e degustatori.
Il Grenache è al quarto posto tra le varietà più coltivate al mondo, presente tanto in Europa quanto nel nuovo mondo, sotto svariati nomi. In Italia lo si trova indicato come Alicante Nero, Cannonau, Gamay Perugino, Granaccia di Quliano e Vernaccia Nera, oltre al già citato Tai Rosso. Tutti questi sono stati assaggiati durante la degustazione e ognuno ha mostrato sfumature differenti, rispecchiando il terroir di provenienza.

DSC_0155

I vini della degustazione: “Il Tai Rosso incontra gli altri Grenache d’Italia. Storie di uomini, territori e di un vitigno giramondo”

Il secondo appuntamento “Orgoglio e (pre)giudizio. Il carattere del Cabernet Colli Berici dalla prova dei fatti”, è stato condotto da Nicola Frasson, degustatore Gambero Rosso. “La degustazione  – spiega Frasson – è riuscita a far percepire e ad esaltare le caratteristiche e le specificità che ha l’area dei Colli Berici nella produzione di questa tipologia di uva. Il territorio berico, che da oltre 150 anni produce Cabernet, riuscendo a ricreare un tratto unico e distintivo rispetto ai Cabernet prodotti in altre zone d’Italia”.
Durante l’appuntamento, alcune tipologie di Cabernet DOC Colli Berici sono state confrontate con altri Cabernet provenienti da Alto Adige, Sardegna e Toscana, tutti con una propria specificità in termini di caratteristiche organolettiche. Il Cabernet dell’Alto Adige ha espresso note erbacee simili ai più rinomati Cabernet bordolesi, quello toscano ha dimostrato l’elevato tannino tipico della propria area e, infine, il Cabernet sardo ha esternato tutta la solarità della sua terra.

DSC_0209

I vini della degustazione: “Orgoglio e (pre)giudizio. Il carattere del Cabernet Colli Berici dalla prova dei fatti”

Le bottiglie dei Cabernet DOC Colli Berici, seppur con caratteristiche e annate differenti, hanno mostrato un tratto univoco che si contraddistingueva rispetto alle altre zone per la presenza di note fruttate, grande sapidità e un tannino mai sovradimensionato. Un altro aspetto che ha colpito è stata la buona tenuta nel tempo, con vini che si sono dimostrati ancora giovani, nonostante fossero di annate come il 2004 e il 2005.

Contatti

Consorzio Tutela Vini DOC Colli Berici e Vicenza

Piazza Garibaldi, 1
36045 Lonigo (VI) - Italy
c.f: 95111540241
p.iva: 03713850240
telefono: (+39) 0444 89 65 98
fax: (+39) 0444 79 72 31
email: info@bevidoc.it

Iscriviti alla newsletter del Consorzio: